Il 29 marzo 2006 rivo chiede:

 

Partendo dal fatto che mi sono stancato di lavorare seduto dietro una
scrivania, vorrei avviare un'azienda agricola/vivaio.
Ho già un terreno che mio padre utilizzava fino a 7-8 anni fa per coltivare
verdure ed ortaggi che vendeva come ambulante.
La mia idea era di installare una serra ed iniziare a produrre e rivendere
piante di ortaggi, fiori, ed altro.
La mia posizione non è male visto che abito in una vallata e nelle vicinanze
c'è solo un vivaio con piante ornamentali, niente serra, oltre che 2
consorzi agrari che sono spesso pieni di gente intenta ad acquistare piante...
Sono vicino ad una strada ad alto traffico, quindi una bella insegna con
molta visibilità...
Ora la mia domanda è: quali sono i margini di guadagno?
Riesco a viverci? Ho bisogno di soci o posso gestire il tutto da solo?
Diciamo che ho qualche conoscenza di base dell'agricoltura, mi diletto in
potature e mi piace molto il lavoro all'aperto.
Vi ringrazio in anticipo per qualsiasi vostro consiglio.

Rivo

 

ti scrivo anche se non ho consigli pratici da darti. Volevo solo esserti
solidale, dicendoti che anch'io sono STANCA di starmene seduta dietro una
scrivania (tra l'altro sono da sola senza colleghi e quindi puoi immaginarti
la paranoia che viene a volte). Comunque tornando ai fatti pratici, anch'io
sto valutando seriamente di mollare tutto e, visto che a casa ho un
capannone vuoto di circa 800 mq., di mettermi in piedi un piccolo
allevamento di animali (non ho ancora deciso cosa).
Per l'idea che hai tu della serra, mi sembra molto buona. Vicino a dove
abito io 4 anni fa circa hanno aperto una piccola attività di questo tipo e
lavora alla grande, tanto che quando mi fermo a prendere qualche ortaggio
devo sempre aspettare, perchè ci sono giaà dei clienti in attesa.
Concludendo, ti auguro di riuscire a realizzare quello che desideri.....
magari facendo anche un po' di soldini (che non quastano mai).
In bocca al lupo.
Susy

 

> ? Ho bisogno di soci ..

 se  del caso   ..  son qui da luglio  che aspetto .
( forse per risponderti    i VERI   agricoltori , avrebbero  bisogno di
sapere    la superficie coltivabile , se arriva l'acqua,   in che zona
cliematica  sei , il tipo di terreno   e altri dati TECNICI . )
:-))))
Madame
http://www.petatv.com/tvpopup/video.asp?video=free_me&Player=wm&speed=_med

  

Ecco qualche dato un po'  più tecnico:
il terreno è di circa 4 tavole in pianura, con servizio idrico dalla
primavera all'autunno.
Vivo nel centro Italia vicino Ancona a 10 km dalla costa.

Rivo

 

io lo direi  in ettari  o metri  quadri ,   almeno   lo capiscono  tutti .
( chissà  quanto è una tavola ..  )

madame

 

E se tu dicessi quanti mt²,o ettari,disponi e lasciassi perdere "tavole,
sedie, divani e affini"non ci si capirebbe prima? tornando al quesito
iniziale, qua troverai ( forse ) i pareri del genere tutto ed il
contrario di tutto, la decisione di intapreder o meno l'attivita' scelta
e' solo tua.e'una scelta imprenditoriale come tutte le altre ne piu' ne
meno.se ci credi e' giusto farla..chiaro tutto questo imho!

flegias

 

Sono precisamente 2 pezzi di terreno di 15 are e 18 are
Un ettaro equivale a 100 are.
Grazie rivo

 

Strana la vita.....
Ho avuto la fortuna di stare curvo sotto il sole per 40 anni e non riesco a
sentirmi un privilegiato....anzi, in questo periodo, provo una "quasi
invidia" per chi puo' starsene dietro una scrivania contando su uno
stipendio sicuro....mah......
Auguri per i Vostri sogni spero davvero riusciate a realizzarli.
MGiuseppe

 

apprezzo il tuo parere... chissà perchè l'erba del vicino è sempre + verde.
Diciamo che il fatto di starsene seduti dietro una scrivania (con i tempi
che corrono non sempre lo stipendio è così sicuro) ha i suoi lati positivi
(niente stanchezza fisica da fatica, ce ne stiamo al cado d'inverno e al
fresco d'estate, ecc) ma ha sicuramente i suoi lati negativi (orari
rigidissimi, monotonia e magari ti trovi a lavorare con colleghi o un capo
uff.che ti stressa la vita)... Per essere obbiettivi diciamo che ogni lavoro
ha i suoi pro e i suoi contro.... però per decidere quale fa x te devi
almeno aver avuto la possibilità di provare...
Buona giornata
S.

 

I miei genitori hanno fatto sempre i contadini ed infatti loro la pensano
come te, infatti mia madre sta facendo di tutto per farmi cambiare idea.
Attualmente mi capita qualche volta di passare sabato e domenica a lavorare
quel poco ti terra che ho e devo dire che, anche se molto faticoso, mi
piace.
Naturalmente potrebbe tutto derivare dal fatto che la mia routine è
l'ufficio, ma fin da piccolo ho sempre vissuto nei campi ed ora devo dire
che mi manca e mi attrae.
Spero di non cambiare idea in futuro, ma così sicuramente non posso
continuare.
Saluti rivo

 

> Sono precisamente 2 pezzi di terreno di 15 are e 18 are
> Un ettaro equivale a 100 are.

Ti rispondo  io  che  cerco   strenuamente  di  agricolturizzarmi da   quasi
un anno  :-))
Con   3.300 mq ,  campi (sopravvivi )  solo se coltivi  marijuana ...
ammesso     che ...
Non darmi retta  ;-)   sentiamo i veri  esperti
ciao ! Madame

 

3.300 mq? sono davvero pochini per farli fruttare.
Potresti farci una fugaia o fiori in serra.
Ciao BK

 

sui  funghi  ho  trovato  questo .
http://web.tiscali.it/santinolafalce/italiano/fungaia/avvio_fungaia.htm
madame

 

Effettivamente non avevo intenzione di fare frutteti o piantare sementi, la
mia intenzione era di utilizzare il terreno per installare una serra dove
tenere fiori e piantine(pomodori,insalata,etc) per gli agricoltori piccoli e
medi della zona.
Magari a questa poi potrei affiancare la coltivazione di qualche verdura da
vendere direttamente ai privati.
Questa era la mia idea principale.

Rivo