Il 12 ottobre 2004 Federico chiede:

 

Ho da poco acquistato un piccolo trattore cingolato (lamb. 340 ll)
da un anziano che mi ha consegnato targa e  libretto .
Ho fatto firmare all'anziano il foglio per il saldo che ho regolarmente
corrisposto.
Vorrei sapere visto che vorrei intestarmi il mezzo(per togliere
responsabilità al venditore) ma non sono
un coltivatore diretto ho terreni di mia proprietà ( coltivo solo
un piccolo orto e il terreno non è mio) cosa occorre fare?
L'anziano ha detto che provvederà a fare lo scarico Uma del trattore dal
suo libretto .
Io che cosa devo fare?
Dovro rivolgermi ad un'agenzia di pratiche oppure posso sbrigarmela da
solo.?
Grazie e un saluto a tutto il ng. Federico

 

Devi farti dare dal vecchietto il mod.4 di scarico, quindi aprirti una
posizione UMA (serve p.IVA agricola, una visura catastale di terreno); e
quindi andare prima all'UMA a fare domanda di carico del mezzo e quindi
andare alla motorizzazione a ritirare il nuovo libretto.
MF

 

Intanto grazie per la risposta.
Va bene otterrò il mod.4 ma se non ho terreni come faccio? Stessa cosa per
la p.iva. Se non posso fare il passaggio senza quello che mi hai detto
riesco almeno  con un modello da me firmato a scagionare il vecchio
proprietario da ogni responsabilità
per improbabili danni (il piccolo orto è tutto recintato)causati dal
trattore.
Grazie di nuovo Federico

 

E' un po' un problema allora.... dal 1997 è obbligatoria la P.IVA agricola
come parametro  di iscrizione all'UMA (se si richiede anche carburante serve
anche CCIAA); per una corretta iscrizione, in quanto si utilizzano mezzi
agricoli è necessario dimostrare anche su cosa questi si utilizzano, ovvero
un minimo di terreno (non importa se di proprietà)...magari possono essere
anche del coniuge o di un convivente nel nucleo familiare o in semplice
affitto o comodato.
Per quanto riguarda invece l'esonero di  responsabilità sul mezzo da parte
del venditore è necessaria la semplice fattura di vendita, in cui si evince
in maniera univoca la volontà delle parti di vendere (venditore) e
acquistare( acquirente ) il mezzo in questione ....in altre parole si ha il
passaggio anche delle responsabilità sul mezzo. Una volta stabilito questo
con opportuna modulistica (vedi mod. 4 e fattura di vendita da parte del
venditore con cui viene scaricato il mezzo dall'archivio aziendale) è
compito quindi del neoproprietario regolarizzare tutte le posizioni affinchè
il mezzo sia in regola e sia "tracciato". In altre parole, il neo
proprietario non può utilizzare il mezzo acquistato se non regolarizza tutte
le relative posizioni (iscrizione mezzo in ambito UMA, passaggio alla MTC
con relativa stampa del nuovo libretto di circolazione nominale del mezzo).
A disposizione
MF

 

Tutto chiarissimo.
Ammettiamo che il proprietario del terreno mi faccia un comodato
io dovrei comunque aprirmi la partita iva agricola, recarmi all'uma ecc..
Cosa può costare il tutto in termini di pratiche?
Se possibile potresti segnalarmi dove trovare l'argomento inerente
l'esonero di responsabilità per tranquillizzare il vecchio proprietario
del mezzo visto che ritiene il passaggio di proprietà l'unico sistema
per l'esonero di responsabilità?
Grazie di Nuovo Federico

 

> Cosa può costare il tutto in termini di pratiche?

un centinaio di euro (escluso il costo del mezzo chiaramente)

MF